Dai, facciamo i bravi…

Il messaggio di auguri di Aquafan è diventato virale: “Facciamo i bravi… e la terza ondata sarà quella della Piscina Onde”.

Non è cosa facile comunicare un senso di responsabilità. Soprattutto se il tuo principale pubblico di riferimento sono i giovani (e coloro che si sentono tali). Sarebbe molto più facile promettere emozioni dal sapore proibito, soprattutto quando sei lassù, sulla mitica collina di Riccione.

Nel chiedere di fare i bravi, il rischio è di diventare paternalista. E poi se gli appiccichi una promessa (quella di divertirsi in Piscina Onde), rischia di diventare l’esca del parroco, per cui vieni a fare il rosario, così poi dopo tutti al campetto a tirare calci al pallone.

Fortunatamente sia il blasone di chi ha firmato il messaggio, sia il linguaggio utilizzato, sono riusciti a creare quella magia che a volte la comunicazione ci regala, ovvero: è passato all’utente esattamente quello che il promotore voleva dire.

Fondamentale è la fiducia: Aquafan ha la forza di riuscire a mantenere il proprio appeal affrontando qualunque argomento.

In seconda battuta, Aquafan è il luogo del divertimento sano e su questo presupposto ha sempre affrontato sia la sua comunicazione, sia il suo business.

Essere luogo del divertimento sano a tanti è spesso sembrato un ossimoro: il “sano” ha poco a che fare con il territorio del divertimentificio, che ha a volte esasperato la voglia di trasgressione, nonché di eccesso… per poi scoprire che, a parte rari interessanti casi, quella trasgressione si concretizzava in una drag queen sul cubo… e niente di più.

Aquafan è come CoccoBill, il personaggio dei fumetti di Jacovitti, che ogni volta che entra nel saloon, compie un gesto altamente trasgressivo: ordina una camomilla. Non il solito whisky dei veri pistoleri, ma qualcos’altro che spacca trasversalmente quell’immaginario.

Aquafan è quella roba lì: adrenalina, super eventi, balli fino a notte fonda… ma sempre con la giusta dose.

È lo stile Aquafan, contaminato dagli insegnamenti di Cecchetto e poi di Linus… ma soprattutto qui c’è il genius loci di noi romagnoli.

E poi la forza del media: il messaggio è stato affisso in un superposter alto 12 metri posizionato in faccia all’uscita del casello autostradale di Riccione. Ha beneficiato quindi della forte autorevolezza che emanano i mezzi di comunicazione imponenti. E poi i social hanno fatto il resto.

Infine (last, but not least) la consapevolezza imprenditoriale di dare un ruolo di responsabilità ad Aquafan.

E poi ricordiamoci che una buona idea nasce se c’è un gruppo di lavoro che funziona. In sostanza, la creatività riesce a emergere solo se l’impresa le dà senso.

Comunque, nei fatti, “Facciamo i bravi…” è diventato virale.

Il segnale che emerge è la tanta voglia di speranza. Ma anche di leggerezza. E su quest’ultima cosa, Aquafan è leader di mercato.

Share

Leave a Comment

Filed under Segnali Deboli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *